1 2 3 4
5 6 7 8
9 10 11 12
13 14 15 16
17 18 19 20
21 22 23 24

Nello sviluppo dell'economia del futuro, o per meglio dire, migliore di quella passata, cioè una vera nuova economia, che già da oggi si può iniziare a praticare, aggiungiamo altri concetti che è bene tenere in considerazione.

Dio dona gratuitamente ed è fonte di ogni ricchezza.

La Sacra Famiglia gratuitamente si esprime nello Stato di diritto.

Lo Stato riconosce diritti e doveri ugualmente per tutti, nella giustizia e senza discriminazione alcuna.

Il diritto singolare dell'economia moderna:

Gratuitamente do a me stesso ciò che ricevo da Dio, lo posseggo, e nel rispetto del libero reciproco arbitrio lo utilizzo per il mio bene, senza nuocere ad alcuno.

inoltre
DISTINGUERE:
             MIO - PERSONALE ( PROPRIO CORPO - IO ECC. )
             MIO - RELATIVO ( PARENTI - GENITORI ECC. )
             MIO - OGGETTIVO ( COSE - OGGETTI ECC. )  

CIO' CHE E' MIO LO DO A CHI MI PARE NEL RECIPROCO LIBERO ARBITRIO

CIO' CHE MIO E' MIO CIO' CHE TUO E' TUO

OGNI DEBITO NON E' ETERNO

IL DAPPIU' NON MI APPARTIENE

               GUARDATEVI DALLE DITTATURE INIZIATICHE

          LA GEGGE DI CIO' CHE E' MIO E CIO' CHE NON E' MIO
          LA LEGGE DI CIO' CHE SI PUO' DARE E CIO' CHE NON SI PUO' DARE
          LA LEGGE DI CIO' CHE SI PUO' RICEVERE E CIO' CHE NON SI PUO' RICEVERE 
          LA LEGGE DI CIO' CHE SI PUO' RESTITUIRE E CIO' CHE NON SI PUO' RESTITUIRE
          LA LEGGE DI CIO' CHE SI POSSIEDE E CIO' CHE NON SI POSSIEDE

freedom of prayer ? (my simple and humble opinion).

Caterva d'atei credenti, voi non siete Dio né avete creato il Mondo, Dio non ha bisogno della vostra conferma per esistere non è un oggetto liturgico né il vostro maggiordomo, Dio non ha necessità d'alcuna volontà, adorazione, averi, religione etc.
Qual è il destino del denaro con licenza d'uso se ogni abuso sarà punito nel valore e nella fiducia d'ognuno ?

(Russo Stefano  11 marzo 2017, Poesia ermetica - my simple and humble opinion).

Isaia 28:15 «Voi dite: Abbiamo concluso un'alleanza con la morte, e con gli inferi abbiamo fatto lega; il flagello del distruttore, quando passerà, non ci raggiungerà; perché ci siamo fatti della menzogna un rifugio e nella falsità ci siamo nascosti». (C.E.I.).
Luca 14:33 Così chiunque di voi non rinunzia a tutti i suoi averi, non può essere mio discepolo. (C.E.I.).
Giobbe 34:12 In verità, Dio non agisce da ingiusto e l'Onnipotente non sovverte il diritto! (C.E.I.).
Ebrei 11:3 Per fede noi sappiamo che i mondi furono formati dalla parola di Dio, sì che da cose non visibili ha preso origine quello che si vede. (C.E.I.).
Ecclesiaste 12:14 Infatti, Dio citerà in giudizio ogni azione, tutto ciò che è occulto, bene o male. (C.E.I.).

A differrenza delle espressioni su citate,
Ricordandoci, che molte, altre espressioni letterarie, sono fuorvianti e discriminanti, oltre che inadeguate,

considerando le probabili manipolazioni avvenute nel corso della storia, da parte di gente poco attenta o in mala fede,

ipotiziamo una correzione dei versi citati qui accanto, e vediamo cosa succede.

Risultato


...è più facile ad un bue che entri nella cruna di un ago che un ipocrita veda il regno dei cieli.

il mio parere è : che queste siano le parole del vero maestro

A TUTTO CE' PERDONO TRANNE PER L'IPOCRITA

LIBERATI DA QUALSIASI SENSO DI COLPA IPOCRITA

NON PAGARE MAI L'IPOCRITA DEBITO

IL FINE NON AMMETTE L'IPOCRITA

GUAI A COLORO CHE CREANO LA NECESSITA' PER POTER DARE

L' economia del profeta Isaia e la gratuità di dio.

 
Isaia 55:1 O voi tutti assetati venite all'acqua, chi non ha denaro venga ugualmente; comprate e mangiate senza denaro e, senza spesa, vino e latte.
Isaia 55:2 Perché spendete denaro per ciò che non è pane, il vostro patrimonio per ciò che non sazia? Su, ascoltatemi e mangerete cose buone e gusterete cibi succulenti.
http://www.laparola.net/novita.php
 
Isaiah 55:1 Ho, every one that thirsteth, come ye to the waters, and he that hath no money; come ye, buy, and eat; yea, come, buy wine and milk without money and without price
Isaiah 55:2 Wherefore do ye spend money for that which is not bread? and your labour for that which satisfieth not? hearken diligently unto me, and eat ye that which is good, and let your soul delight itself in fatness.
King James Bible Main Index


Matteo 19, 23-24 ....... Il pericolo delle ricchezze

23 Gesù allora disse ai suoi discepoli: “In verità vi dico: difficilmente un ricco entrerà nel regno dei cieli.

24 Ve lo ripeto: è più facile che un cammello passi per la cruna di un ago, che un ricco entri nel regno dei cieli.

25 A queste parole i discepoli rimasero costernati e chiesero: “Chi si potrà dunque salvare? ”.

26 E Gesù, fissando su di loro lo sguardo, disse: “Questo è impossibile agli uomini, ma a Dio tutto è possibile”.

Marco 10, 25 .........Il pericolo delle ricchezze

23 Gesù, volgendo lo sguardo attorno, disse ai suoi discepoli: “Quanto difficilmente coloro che hanno ricchezze
entreranno nel regno di Dio! ”.

24 I discepoli rimasero stupefatti a queste sue parole; ma Gesù riprese: “Figlioli, com’è difficile entrare nel regno di Dio!

25 È più facile che un cammello passi per la cruna di un ago, che un ricco entri nel regno di Dio”.

26 Essi, ancora più sbigottiti, dicevano tra loro: “E chi mai si può salvare? ”.

27 Ma Gesù, guardandoli, disse: “Impossibile presso gli uomini, ma non presso Dio! Perché tutto è possibile presso Dio”.

il mio parere è : che queste parole siano di un impostore.

Ordunque, cioè alla luce del momento, grazie al dono del giudizio a noi concesso, comprendiamo che la condizione di essere ricchi non rappresenta peccato, mentre quella di essere ipocriti si. Pensiamo cosa può essere successo nella storia, per la divulgazione di queste fandonie? La gente potrebbe pensare che essere ricchi non sia cosa buona e che la ricchezza sia propria dei malviventi. (Stamati Domenico)

Oppure si potrebbe pensare, che per essere ricchi bisogna essere malviventi e da ciò si capisce quali implicazioni negative si possono essere prodotte nel tempo. Per dovere di cronaca diciamo che gli stronzi si trovano tra i ricchi e tra i poveri, tra le femmine e tra i maschi. Allo stesso modo i santi si trovano tra i ricchi e tra i poveri, tra i maschi e tra le femmine. (Stamati Domenico)

Lo spauracchio della ricchezza e dei suoi pericoli non mi preoccupa, mentre, per me è importante vivere bene e dignitosamente sia la povertà che la ricchezza, consapevole dell'importanza della giustizia e della ridistribuzione del reddito quando si producono ingiuste differenze. (Stamati Domenico)

I seguenti brani creano ulteriori dubbi sul loro autore.

Matteo 25:29 Poiché a chiunque ha, sarà dato ed egli sovrabbonderà; ma a chi non ha, sarà tolto anche quello che ha.

Luca 19:26 "Io vi dico che a chiunque ha sarà dato; ma a chi non ha sarà tolto anche quello che ha.

Un'altro
Gesù, quì di seguito risponde, introducendo, chiaramente la ridistribuzione del reddito.

Luca 3:11 Egli rispondeva loro: «Chi ha due tuniche, ne faccia parte a chi non ne ha; e chi ha da
mangiare, faccia altrettanto».

Anche Giovanni Battista a modo suo rispondeva agli ipocriti.

Luca 3:7 Giovanni dunque diceva alle folle che andavano per essere battezzate da lui: «Razza di vipere, chi vi ha insegnato a sfuggire l'ira futura?

Rendono testimonianza alla Verità anche i seguenti brani evidenziati da Stefano.
Tutti hanno diritto di vivere utilizzando le ricchezze nel Signore ed il dovere di non privare gli altri dei loro diritti, e ogni essere vivente, uomo, o animale o pianta per diritto di nascita può usare la proprietà di Dio per vivere ciò non toglie a nessuno il diritto di possedere la proprietà privata nel rispetto della proprietà pubblica. Srila Rupa Gosvàmi quando decise di ritirarsi distribuì il 50% di ciò che aveva guadagnato nella sua vita al servizio di Krsna il 25% ai suoi parenti, e tenne il 25%per sé in caso di emergenza. Tutti i devoti dovrebbero seguire il suo esempio quando scelgono di donare qualcosa al prossimo poiché ciò deve avvenire nella saggezza celeste del Signore.

Non  date  mai  ai  poveri  ciò  che  è  vostro, semplicemente restituite loro ciò che  gli  appartiene,  perché  ciò  di  cui  vi  siete  appropriati  fu  dato  per  l'uso  comune  di  tutti.  La  terra  è  stata  data  a  tutti,  non  solo ai  ricchi. Sant  Ambrogio

* HOME PAGE *