il principio di corrispondenza

  1 corrisponde a   
per il genere umano

          Uno sei.

 Non c'è nè un'altra uguale a te

  1 corrisponde a   
per il genere umano

          Uno sei.

 Non c'è nè un'altro uguale a te

  2 corrisponde a        ▬▬▬▬▬▬    
per il genere umano

I Genitori sono 2


 
    Genesi 1:27 Dio creò l'uomo a sua immagine; a immagine di Dio lo creò; maschio e femmina li creò (C.E.I.).

  bene.

  Il lato femminile di Dio ed il cristo interiore d'ognuno? (my simple and humble opinion).

  Dio crea la vita per la redenzione dell'anima nella speranza di trovare un giorno il paradiso perduto, maschio e femmina li creò a
  sua immagine quindi dio ha sia il lato femminile sia maschile ed oltre nel vostro cristo interiore con la propria personalità si trova
  questa verità eterna udire ascoltare sentire l'ignoto dio acquisire capacità d'amare nell'amore difendersi senza peccare scevro
  d'ogni odio, invidia, rancore etc. (Stefano Russo)

 
  Genesi 5:2 li creò maschio e femmina, li benedisse e diede loro il nome di «uomo», nel giorno che furono creati. (Nuova
  Riveduta)
  Galati 3:28 Non c'è qui né Giudeo né Greco; non c'è né schiavo né libero; non c'è né maschio né femmina; perché voi tutti
  siete uno
  in Cristo .... (Nuova Riveduta).
  Galati 4:19 figlioli miei, che io di nuovo partorisco nel dolore finché non sia formato Cristo in voi! (C.E.I.).
 

  Nel dialogo che ho avuto con Stefano in questi decenni di osservazioni, riflessioni, elaborazioni e conclusioni sono emersi i seguenti
  concetti:

     - L'uomo nasce nella scala evolutiva prematuramente.

     - Nasce cripticamente irrisolto.

     - L'uomo è una porta nera - Problematica.

     - L'uomo contro la sua stessa specie.

     Genesi 6:6 E l'Eterno si pentì di aver fatto l'uomo sulla terra e se ne addolorò in cuor suo. (C.E.I.).

     Salmi 63:7 Meditano iniquità, attuano le loro trame: un baratro è l'uomo e il suo cuore un abisso. (C.E.I.).



  Penso che queste affermazioni pongono la nostra specie in una posizione che ci richiama ad una consapevolezza sconosciuta fino
  ad ora, uno stato di coscienza che noi, come umanità, non avevamo ancora conosciuto, ma che ora dobbiamo necessariamente
  imparare a realizzare se vogliamo vivere o esistere.

  Penso che è compito di ognuno di noi identificarsi con il proprio io detentore del diritto naturale.
  Il diritto naturale
che intendo e di cui sto parlando indica e definisce un corrispondente ordine temporale, spaziale e dimensionale,
  dove le cose della vita avvengono naturalmente e non sono condizionate o manipolate; gli eventi sono naturali e rispecchiano
  effettivamente la nostra realtà e quella che ci circonda.

  Ora, lascio ad ognuno di capire se il corso naturale degli eventi sia importante oppure no.

  Da parte mia non resta che ribadire l'importanza del significato di <<diritto naturale>>, cioè il posto e il ruolo che la natura da ad ogni
  essere vivente e che potrebbe anche essere espressa come  l’anteriorità  dei diritti fondamentali di ogni uomo  rispetto  ad  ogni
  altra entità o istituzione  religiosa, politica, economica, sociale e culturale  e ad ogni qualsiasi altro  potere  costituito.

  A mio avviso è assolutamente necessario per il genere umano prendere consapevolezza della differenza tra <<Io>>  e  <<Me>>

  Penso che il primo punto che va posto sotto la nostra attenzione, è (senza giri di parole) la corrispondenza di noi stessi.

  Or-dunque ogni uno di noi dovrebbe porsi la seguente domanda:

                                                                                                           - io sono corrisposto da me ?
                                                                                      - il mio corpo umano corrisponde al mio io?
                                                                                      - io corrispondo al mio corpo umano ?
                                                                                      - il mio pensiero corrisponde al mio io ?
                                                                                      - le mie azioni corrispondono al mio io ?
                                                                                      - la mia situazione corrisponde al mio io ?

    
    A dirla con Mead:
     è l'io e il me.
     il giusto equilibrio tra l'io e il me
     il giusto equilibrio tra libertà d'azione e
      realtà con cui si interagisce.

     A dirla con Freud :
     è l'io, l'es e il super-io.
     dov'era l'es deve diventare l'io.

     A dirla come diciamo qua :
     è l'io sentimento, ragione e fede.
     credere nel primo impulso eterno dell'anima
      auto-generante non generato.

      io e mio

     essere nell'avere.
 * SE - GNOSIS - REX 
    SOVRANO CONOSCITORE DI SE STESSO
        REX    GNOSIS      SE
Dopo aver studiato attentamente la scienza della programmazione, così come sviluppata da Stefano, mi permetto di inserire un piccolo modesto contributo.

Penso che in questo contesto risulterà utile per comprendere la nostra comune condizione di abitanti di questo pianeta, spiegando nello stesso tempo, che nel proprio libero arbitrio ognuno di noi può agire bene, e liberarsi, per non morire nella propria coscienza, o in alternativa, ammalarsi, divenire schiavo di spiriti immondi e demoni, e perire nel nulla.

Nel mio subconscio
io
attivo una memoria
che elimina costantemente
tutto ciò che è nocivo e negativo
e tutto ciò che proviene
dal maligno, dal peccato e da ogni nemico

Io comando su me stesso
ho assoluto arbitrio inconscio e cosciente
dominio totale sul mio microcosmo
Io sono coscienza
androgenia conforme natura
in umiltà - castità - dignità
la mia volontà è sempre nella misericordia di Dio
vivo e agisco costantemente nella saggezza e misericordia celeste
in ogni realtà - situazione - livello - dimensione, diurno e notturno, dovunque mi trovo
compio con profonda serietà e devozione il mio dovere
in ogni momento della mia esistenza
praticando in ogni circostanza ciò che è utile, necessario e sufficiente .... ora e sempre, così sia_  AMEN

Il proprio corpo: questo sconosciuto ? (my simple and humble opinion).
Il percorso interiore, dialogare con il proprio corpo, la mente ed i suoi livelli di coscienza per migliorare il modo di essere nell'avere, consapevolezza, libertà riscoprire la natura e l'evoluzione, vincere le barriere del sonno letargico ed utopie del mondo, sconfiggere la programmazione neurolinguistica nociva e deleteria per la propria salute e benessere, ristabilire una priorità di valori necessari e sufficienti per la salvezza dell'integrità morale, sessuale, spirituale, esistenziale, sentimentale etc.

Russo Stefano

Il proprio corpo: nostra abitazione sulla terra.
2Corinzi 5:1 Sappiamo infatti che quando verrà disfatto questo corpo, nostra abitazione sulla terra, riceveremo un'abitazione da Dio, una dimora eterna, non costruita da mani di uomo, nei cieli. (C.E.I.).

finché non sia formato Cristo in voi !
1Tessalonicesi 5:23 Il Dio della pace vi santifichi fino alla perfezione, e tutto quello che è vostro, spirito, anima e corpo, si conservi irreprensibile per la venuta del Signore nostro Cristo. (C.E.I.).
Galati 4:19 figlioli miei, che io di nuovo partorisco nel dolore finché non sia formato Cristo in voi! (C.E.I.).

                                                                         

  Ora, per capire la propria condizione, cioè lo stato personale in cui ognuno si trova, inserisco valori di riferimento, attraverso i quali
  chiunque può misurarsi:

 

                                                     VERITA'

GIUSTIZIA         LIBERTA'

 DIRITTO     DOVERE


     tavole di autodifesa civile

                                                Nicht   Desiderio
                                                Nicht   Uccidere
                                                Nicht   Rubare
                                                Nicht   Mentire
                                                Nicht   Adulterio

                                                                         
                             ricordiamo che     La libertà è un limite tra i diritti e doveri dell'uomo

  Questo lavoro di carattere straordinario che rivolgo all'attenzione di chiunque lo ritenga utile, a mio avviso pone le basi per
  valorizzare le tesi dei filosofi, dei fisici e di tutti i ricercatori del passato e nel contempo permette di comprendere le intuizioni e le
  rivelazioni profetiche, evidenziando e differenziando le verità realmente esistenti e verificatesi nel corso del tempo, dalle spazzature
  religiose e scientifiche.

  Devo premettere che i nostri percorsi neurali, attualmente, sono fortemente alterati e inibiti dalle malattie genetiche prodotte nel
  passato, dal comportamento immorale, da tutte le influenze negative tecnologiche, subliminali, pubblicitarie e ipnotiche e dalle
  interferenze telepatiche dei defunti e degli spiriti immondi.

  Le continue, provvidenziali e circostanziali osservazioni e precisazioni di Stefano, attraverso un lavoro quotidiano di elaborazione e

  correzione che ho potuto compiere sulla mia persona, mi hanno permesso di migliorare i miei percorsi neurali eliminando le cattive
  abitudini

                                    metamorfosi

    L'io sono essere nell'avere, una sana attitudine alla libertà
    interiore sogno e realtà, acquisire capacità d'amare
    nell'amore, spietato glaciale inamovibile ricordo dolore
    e verità del sangue oltre l'età dei corpi delle anime vissute
    nel tempo ad ognuno la sua croce, sempre difendersi
    senza peccare, sacrificio udire sentire ascoltare la fioca
    luce interiore, dissuadere disilludere prevenire se stessi
    nell'amare l'amore.
    (Russo Stefano 10 aprile 2015, Poesia ermetica
        - my simple and humble opinion).

                                                                         

  Il mio io cosciente ha incominciato così ad assumere un peso migliore sul mio me, sul mio es e quindi sulla mia vita.
  Penso che oggi tutti noi possiamo correggerci e con il giusto atteggiamento aprirci a nuove prospettive costruttive.


 Dal punto di vista pratico tra le prime cose da fare, a mio avviso, sono:

   1 ) Costruire una concreta e corretta garanzia di vita sana per le persone in tutti luoghi del nostro pianeta.

   2 ) Costruire una concreta e corretta garanzia di sviluppo umano benefico in tutti gli ambiti in cui si svolge l'attività dell'uomo e
        dove si forma la sua personalità, dalla nascita e per tutta l'esistenza, con una sana educazione ed una effettiva detenzione dei
        diritti e doveri di ognuno.

   3 ) Permettere e costruire per ogni essere vivente un percorso concreto, corretto e sano dalla nascita fino alla morte, che garantisca
        ininterrottamente, la verità, la giustizia, la libertà, il diritto, il dovere.

   4 ) Mettere a disposizione di ogni individuo dalla nascita fino alla morte procedure concrete e corrette per difendersi ed isolarsi in
        modo perfetto da interferenze e violenze che possano provenire, anche da altre dimensioni, da spiriti defunti e da spiriti immondi.

   5 ) Istituire procedure di analisi sub-atomiche, atomiche, molecolari, cellulari in concomitanza con apparecchi in grado di monitorare
        costantemente livelli regolari o irregolari nel sangue e in tutto l'organismo somatico, mentale, astrale, prana al fine di permettere
        ad ogni individuo di difendersi da qualsiasi entità oltre-natura e da impossessazioni demoniache.


l'esorcista ?

   Ormai i morti sono tra i vivi vagano come spiriti immondi su questa terra alla ricerca d'ignari viventi   suggerendo alle loro orecchie porcherie mentali e subliminali per manipolare la verità del sangue piaga del decrepito sacerdozio, amara realtà tra anime e spiriti nei corpi, che ospitano più di un essere nella loro natura.

   (Russo Stefano 19 maggio 2015, Poesia ermetica - my simple and humble opinion).
                           foto - maggio 2015, ~morning Castroregio (Cs.).

 


  Per comprendere ed esprimere questi concetti ho dovuto
compiere uno sforzo sovrumano. Devo comunque dire che senza l'aiuto
  di Stefano non ci sarei riuscito.

  Queste mie espressioni traggono la loro origine nel fatto che <<
da quello che io comprendo>>, il corpo umano, essendo creazione di
  Dio e divinità della natura, ha insito in se stesso una ferrea legge. 
  Questa ferrea legge fa si che ad ogni nostra minima azione, <<sia nel pensiero che nel corpo>>, il genere umano si degenera,

« [...] Stabilì finalmente l'Ottimo Artefice che a colui cui nulla poteva dare di proprio fosse comune tutto ciò che aveva singolarmente assegnato agli altri. Perciò accolse l'uomo come opera di natura indefinita e, postolo nel cuore del mondo, così gli parlò: -non ti ho dato, o Adamo, né un posto determinato, né un aspetto proprio, né alcuna prerogativa tua, perché [...] tutto secondo il tuo desiderio e il tuo consiglio ottenga e conservi. La natura limitata degli altri è contenuta entro leggi da me prescritte. Tu te la determinerai senza essere costretto da nessuna barriera, secondo il tuo arbitrio, alla cui potestà ti consegnai. [...] »
(Giovanni Pico della Mirandola, Oratio de hominis dignitate)
« [...] Non ti ho fatto né celeste né terreno, né mortale né immortale, perché di te stesso quasi libero e sovrano artefice ti plasmassi e ti scolpissi nella forma che avresti prescelto. Tu potrai degenerare nelle cose inferiori che sono i bruti; tu potrai, secondo il tuo volere, rigenerarti nelle cose superiori che sono divine.- [...] Nell'uomo nascente Dio ripose semi d'ogni specie e germi d'ogni vita. E a seconda di come ciascuno li avrà coltivati, quelli cresceranno e daranno in lui i loro frutti. [...] se sensibili, sarà bruto, se razionali, diventerà anima celeste, se intellettuali, sarà angelo, e si raccoglierà nel centro della sua unità, fatto uno spirito solo con Dio, [...]. »
(Giovanni Pico della Mirandola, Oratio de hominis dignitate)

  oppure migliora.


  Se il 98 % del DNA umano
è inattivo significa che il comportamento del genere umano, nel passato, lo ha letteralmente degenerato.

  Quando parlo di percorsi neurali, sto solo utilizzando una delle tante espressioni per indicare quella zona fisica del corpo umano

  attraverso la quale noi percepiamo la realtà e manifestiamo il nostro pensiero.

  Allo stesso modo della degenerazione generale del nostro corpo, quando i percorsi neurali sono degenerati,
una coscienza
  incarnatasi nella forma umana non riesce più a percepire la realtà e di conseguenza non riesce neanche ad esprimersi,
  coerentemente, corrispondentemente e di conseguenza, correttamente.

  Ecco perchè, anche, la comprensione di concetti semplici, che per una persona sana <<nell'anima>> sono una cosa normale, per
  una persona malata o in via di guarigione, risultano quasi impossibili.

  Parlo di malattia o di salute <<dell'anima>> e non di malattia o salute del corpo, che può avere diverse cause.
  Ad esempio una malattia, come generalmente la intendiamo, può essere dovuta anche ad eventi indipendenti dalla volontà dell'anima
  stessa.
  In questo caso <<quando la malattia è prodotta artificialmente>> si parla di violenza.

  Allo stesso modo possiamo dire che ad un soggetto <<apparentemente>> sano nel corpo non è detto che corrisponda una
  coscienza guarita o sana nell'animo.

  In tutte queste possibilità è nostra precisa responsabilità e nostro dovere, oltre che diritto, preservare bene il corpo umano,
  perchè, anche una persona sana nell'anima <<che si incarna  in  un corpo malato>> non riesce più ad esprimere correttamente il
  suo stato di coscienza. 
  Pensiamo a quante enormi difficoltà e quante sofferenze << dovute all'inattività del 98% del DNA >> stiamo incontrando noi oggi.
  Questo deve farci riflettere sull'importanza del comportamento da tenere nella vita, che, quando è innaturale e sbagliato danneggia
  il corpo umano e la sua genetica provocando conseguenze che si riversano anche sulle future generazioni.

  Possiamo concludere dicendo che quando un anima si incarna nel corpo umano, nasce e crea la sua realtà a seconda del suo
  spirito con il favore dei genitori <<che appunto procreano>> mentre la natura dona la sostanza di cui il corpo è fatto.

 

  Ora, io penso che, oggi, ognuno potrebbe e dovrebbe usare meglio,
   sia
   la mente concreta (che riguarda il ragionamento logico e normale, e il pensiero pratico)
   e sia
   la mente astratta (che è responsabile delle facoltà e dei processi di pensiero più soggettivi, creativi, filosofici e principiali),

    

e attingere dal deposito dati del campo mentale del pianeta, per sperimentare ed appurare direttamente la veridicità degli eventi, risolvendo nella propria coscienza, una volta per sempre se questo o quello sia vero oppure no.

A mio avviso bisogna semplicemente cambiare la vanità con l'amor proprio e liberarsi definitivamente da ogni forma di schiavitù <<sia materiale che spirituale>>.

Nel campo mentale del pianeta esistono concetti, idee e dati (positivi, negativi e neutri).
La mente delle persone, è il meccanismo per collegarsi a questo mondo di informazioni e di pensieri; quanto più perfezionati, sviluppati e avanzati sono l'equipaggiamento mentale e la sostanza vibrazionale del pensatore, tanto più alte sono la quantità e la qualità delle idee che possono essere assimilate e utilizzate.

Questo software che è la nostra mente oggi è piena di engrammi negativi (programmi dannosi per la nostra salute ed evoluzione). Questi loop <<a ripetizione>> si attivano, è assorbono quasi tutta la nostra energia, facendoci pensare cose inutili, impedendoci, quindi, di utilizzare bene il nostro tempo per arrivare a sane conclusioni.

                                   azione e mutazione

Io penso solo il mio pensiero. Escludo ogni pensiero che non è attinente a quello che sto facendo. Nella mia mhente esiste solo il mio pensare. La mia attività pensante è fatta solo di idee mie.

Questi programmi nocivi, costruiti dalla programmazione genetica, dalla programmazione infantile

e dalla programmazione neurolinguistica, hanno alterato i nostri percorsi neurali.

      

Se osserviamo attentamente il comportamento delle persone, possiamo, a mio avviso, concludere che qualcuno ha voluto creare una sottorazza.
Se pensiamo che il nostro corpo ha perso la capacità di far ricrescere i denti, significa che diverse cose nel corpo umano non funzionano come dovrebbero. Auguriamoci, quindi, che chiunque studia e ricerca con sincerità, possa ricevere da Dio la scienza giusta per guarire e far guarire, e che la natura ripristini ciò che è stato alterato.

Con la coscienza che io ho di me stesso, non riconosco molte condizioni e molti atteggiamenti quotidiani e usuali che vivo e che in genere penso vivano anche altre persone, perchè sono inferiori alla mia capacità di sentire (penso si potrebbe dire che sono di tono inferiore al comune sentire di ognuno).
Si potrebbe dire, che c'è troppo artefatto, volendo chiaramente intendere che al posto della verità, in queste condizioni, c'è la contraffazione della verità.

Ora, secondo la semplice espressione, che dice:
le cose accadono perchè qualcuno le fa accadere;
                                                                            Le cose succedono sempre se qualcuno le fa succedere;
sembra, proprio, che questo comportamento, che noi assumiamo nella vita e questa
situazione negativa <<che noi oggi viviamo>> non sono stati prodotti dal caso.  

Quindi, se esistono i cosiddetti signori del mondo:
<<che io chiamo: i pecoroni del mondo>>,
che considerano le persone come pecorelle, 
penso che noi tutti dovremmo riflettere e prendere coscienza su che tipo di guaio può produrre un nostro atteggiamento indolente e irresponsabile quando non prendiamo la giusta posizione e non siamo responsabili della nostra vita.

A mio avviso appare abbastanza plausibile la possibilità che l'intera umanità abbia subito e stia ancora subendo un pesante condizionamento e una instillazione di engrammi negativi, che si attivano ripetutamente nel nostro cervello, si riperquotono continuamente sulla nostra vita quotidiana e mettono costantemente ed immotivatamente l'uomo contro la sua stessa specie. 

Attraverso alcuni di questi argomenti che ho sviluppato, ho semplicemente posto l'attenzione sulla differenza tra teoria e pratica, che, oggi nella comunità di questo pianeta, a mio avviso consiste, maggiormente e sostanzialmente, in uno squilibrio di percezione.

<<Secondo l'educazione e l'istruzione ricevuta, noi percepiamo la realtà in un certo modo. Questa realtà nella vita pratica, molto spesso, non corrisponde alla nostra visione (che è deformata dal nostro software mentale alterato <<lo definirei sfasamento del senso pragmatico>>), di conseguenza rischiamo di allontanarci dalla verità, sgretolando la nostra integrità interiore ed il nostro equilibrio tra anima, spirito e corpo.>>

Nei metodi da me studiati sul controllo e sull'educazione della mente e del corpo, dalla programmazione mentale alla meditazione ecc., ho semplicemente cercato di comprendere ed evidenziare, in tanti modi differenti, la mia presenza, la mia azione e i miei conseguimenti, per capire e migliorare la mia condizione e per accertare direttamente un eventuale risultato positivo o negativo e un cambiamento di stato oppure no.

La necessità di risultati reali mi ha stimolato a studiare con serietà ed umiltà, e la ricerca mi ha portato ad indagare sui concetti più variegati e di conseguenza dove c'era più sostanza: <<
le osservazioni genuine di Stefano>>.

In effetti ho cercato, sinceramente e con tutte le mie forze di far coincidere le mie riflessioni, con ciò che è utile, necessario e sufficiente, in una continua attività quotidiana, significativa, al fine di posizionare il mio io in una costante interazione tra principi e valori ideali e pragmatismo umano.

Ho dovuto, per quanto sia riuscito, quindi agire, senza tralasciare alcuna indicazione, fino a indagare, anche, in luoghi che la maggior parte dell'umanità, proprio non immagina e non pensa,

fino a spostare l' attenzione anche sull'impossibile.

             Se elimini l’impossibile quello che rimane, per quanto improbabile, deve essere la verità.


Sono, questi, luoghi dove in genere, << quando si dirigono bene i propri passi, le proprie intenzioni e le proprie azioni >>, si incontra il silenzio di DIO che illumina e guida in modo incomparabile, ma, talvolta, durante il nostro lungo cammino, si incontrano anche altre entità, e si intravedono presenze, anche umane, nel loro moto esistenziale, che richiedono la nostra giusta attenzione e il nostro giusto giudizio.

Spesso non sono riuscito a dare una risposta, perchè
sono solo una semplice persona umana che sta imparando a vivere bene, e che ancora non sa e non sa fare tante altre cose.

Quando il corpo e il cervello dormono, la mente opera con proprie funzioni trasportando il nostro io sul proprio livello mentale, fino a catapultarci nel sogno.

Così mentre il corpo fisico e il cervello sono a letto, noi, possiamo essere in viaggio in altre dimensioni e in altri livelli di vita.

E chiaro, che non c'è bisogno di specificare, che, la validità di ciò che noi comprendiamo durante le nostre esperienze << sia nella vita della veglia, che nella vita nel sogno ecc. >> dipende dalle capacità e dalle qualità presenti nella nostra mente e nei nostri sentimenti ed è, quindi, strettamente legata all'impegno che noi abbiamo profuso per riversare una giusta educazione e una giusta istruzione sulla nostra persona.

Teniamo sempre in conto che vi sono percezioni basate su false informazioni, << provenienti dal passato e dal presente >> che possono apparire vere, e vengono considerate corrette nello schema mentale a causa dei parametri che si nascondono nelle convinzioni false o nella cultura errata (vecchie mentalità ecc.).

Ricordiamo che
la formazioni dei parametri mentali in genere si forma da:

- Conoscenze derivanti da precedenti culture;
- nozioni di carattere scientifico;
- insegnamenti tratti dall'istruzione e dalle religioni;
- credenze e superstizioni;
- pensieri di precedenti pensatori;
- informazione mediatica;
- interpretazione dell'esperienza vissuta.
                                                         Tutto ciò
può essere : vero, falso o parzialmente corretto.

Ricordiamo inoltre, che questa struttura continua a formarsi, nella mente di ogni uomo (maschio e femmina), ogni giorno attraverso l'aggregazione dei pensieri e delle emozioni.

Ecco perchè è bene tenere sempre presente ciò che ci ricorda Stefano:

<<
L'intuizione psicologica si trasforma in ragione e pensiero cosciente dall'uditore". L'istruzione aiuta l'individuo ad avere fiducia in sè e la sua educazione deve mirare a dargli la piena coscienza della sua dignità sociale tenendo conto che le convinzioni false o cultura errata possono essere rieducate ed corrette dall'insegnamento,>>

Le persone che pensano e agiscono bene, acquisiscono la facoltà di trascendere l'illusione e la confusione.

Potremmo dire che il buon senso è una delle prossime fasi dell'evoluzione umana.

Alcune persone ricche di sano intuito, non necessariamente laureate o istruite nelle scuole, nate con una capacità maggiore di comprendere la vita, sono dotate fin da giovani di questa qualità mentale, che, quando non viene violata, << oppure, quando, nessun entità riesce a violare >> [oppure, quando, nonostanze la violenza subita, la misericordia di Dio ci recupera dalla caduta] si manifesta positivamente e beneficamente nella società.

Invito tutti a riflettere attentamente sul fatto che un'eventuale violenza, azione immotivata o alterazione anomala degli eventi naturali, può produrre conseguenze assolutamente gravi e imprevedibili.

A rendere
pensatori migliori le persone di buon senso, è << la devozione alla verità, alla giustizia, alla libertà nel diritto e nel dovere >>, una sensibilità interiore che gli consente di sperimentare la vera natura degli eventi.

Penso che si possa dire, che, quando una persona comincia a
utilizzare bene la propria mente, la propria psiche, il proprio corpo e i propri sentimenti, inizia a impiegare il potere dell'anima e a sperimentare << in se stesso-a >> la nascita della virtù.



  Stamati Domenico Basile